BBIIAANNCCOO: La recensione di “Habitat”

3 mins read

Review

Voto
7.3/10
Overall
7.3/10
  • BBIIAANNCCOO – Habitat
  • 17 Novembre 2023
  • ℗ TENREC

Il primo progetto da solista del musicista/produttore Davide Bianchera, membro dei Baobab Romeo fa svolazzare intricate stratificazioni sonore, in ambientazioni minimali. 

“Habitat” nasce dall’influenza di tre romanzi: “La Parete” di Marlen Haushofer, “Correzione” di Thomas Bernhard e “Minotauro” di Friedrich Durrenmatt. Nonostante le storie siano tutte diverse fra di loro, un unico filo conduttore riesce a tenerle in piedi nell’ambientazione del disco. Le azioni e la vita di ogni personaggio sono estremamente condizionate dall’ambiente in cui vivono. 

È probabilmente uno dei pensieri più antichi del mondo, eppure trova lo spazio perfetto nei 14 minuti di questo disco. Ogni traccia è un richiamo ad uno dei tre libri, artwork compresa, che richiama “Correzione” di Bernahard. La copertina del disco rappresenta in maniera perfetta le atmosfere sviluppate al suo interno, con minimali sonorità costituite da loop station, campioni ed elettronica sperimentale. 

Ogni traccia appare semplice, ma più ci si addentra, più inizia a complicarsi, a partire da quella di apertura. 

“Vetro” è caratterizzata da suoni stridenti, granulosi, sezioni di loop sembrano susseguirsi in maniera disordinata su cupe e ridondanti sezioni di ottoni. Ma ecco che ad un certo punto ogni consa sembra trovare il suo spazio, guidata dalla corposa melodia del basso elettrico. La traccia rimane fredda, quasi asettica, una visione che sembra, ad eccezione della seconda traccia, susseguirsi per tutto “Habitat”. 

“Labirinto” è l’unica traccia in cui le emozioni prendono forma. È oscura, inquietante, i droni si mescolano a suoni metallici e sezioni di loop che quasi somigliano a dei sussurri. A livello di arrangiamento, non arriva mai un crescendo emotivo, la traccia rimane in bilico mantenendo una costante sensazione di tensione ed inquietudine. 

“Cono” pare essere la traccia più “libera” e in un certo senso quella più melodica. Si sviluppa su registrazioni ambientali. Tra i suoni della natura crescono le stratificazioni sonore, a partire dai droni fino ad arrivare a campionamenti che ricordano lo scorrere dell’acqua e lo squillo di un telefono. 

Tutto il progetto è dannatamente cupo, ansioso, ogni eco, ogni trillo non fa altro che accrescere una costante sensazione di inquietudine. 

/ 5
Grazie per aver votato!
Previous Story

Boetti: La recensione di “Romanzo Porno”

Next Story

Marco Castello: La recensione di “Pezzi della Sera”

Latest from Recensioni