Calma, Ora: La Recensione di “Young Love”

2 mins read

Review

Voto
6.8/10
Overall
6.8/10
  • Calma Ora – Young Love
  • 22 marzo 2024
  • ℗ Own Tempo Ltd.

Dopo il singolo “Hiding Spot”, e a distanza di due anni dal loro primo EP, il duo di Rimini esce con un nuovo progetto dal titolo “Young Love”. 

Se “Shapeless Form of Clouds” attingeva ad una miscela di strutture elettroniche e dream-pop, con i due singoli successivi i Calma,Ora si erano spostati verso sonorità più nitide, abbandonando riverberazioni eccessive e stratificazioni. “Young Love” torna ad alcuni tratti dei progetti precedenti, ma lo fa sotto una chiave bedroom pop. Le strutture ritmiche tornano ad occupare uno spazio importante nel progetto. Ne è un esempio “Hiding Spot”, primo (e unico) singolo estratto dal disco. Il disco, avvolto da un particolare strato di malinconia, trova spazio per virare verso soluzioni lo-fi, ne è un esempio “For You”, caratterizzata da una ritmica più lenta, che si amalgama perfettamente con synths e campionamenti.

Young Love

“Appeal For Love”, rimane sulla stessa scia, pur puntando il piede sull’acceleratore. Le voci filtrate fanno a gara con breakbeat di gran lunga più complessi rispetto alle tracce precedenti. Questa volta il fuoco sembra però essere rivolto alla struttura melodica, che tra droni e arpeggi di chitarra occupa il punto centrale della traccia. Nella chiusura “Place I’ve Never Seen” l’effettistica raddoppia, e il duo si ritrova catapultato in ambienti shoegaze, tra distorsioni e riverberi. Qui non sono le melodie, o le ritmiche, o le voci, a ricoprire un punto importante, ma il rumore. 

“Young Love” riesce a inglobare, in circa venti minuti una discreta mole di soluzioni e generi musicali, pur rimanendo ancorato ai canoni di un indie rock che negli ultimi anni ha regalato diverse perle. Quindi non ci resta che aspettare e vedere dove i ragazzi di rimini arriveranno. 

/ 5
Grazie per aver votato!
Articolo Precedente

Meatbodies: la recensione di “Flora Ocean Tiger Bloom”

Prossimo Articolo

From Flowers To Flies: la recensione di “We Built This Machine”

Latest from Thursday Phonic Radar