Dead Crayons: La recensione di “Touches”

2 mins read

Review

Voto
7.2/10
Overall
7.2/10
  • Dead Crayons – Touches
  • 2 Giugno 2023
  • ℗ Dead Crayons

Si chiamano Dead Crayons, trio fiorentino nato durante il 2020 e uscito, insolitamente in esclusiva su bandcamp e Spotify, lo scorso giugno con il primo EP di debutto dal titolo “Touches”. 

Il gruppo, composto da Giulia Bellia (basso, voce), Vincenzo Marolda (chitarra, synths) e Alvaro Buzzegli, ex batterista di diverse band underground (RitmeniaZoo, NON, GF93), è riuscito a trovare un giusto compromesso tra cupezza e esplosività nei soli 16 minuti di durata di questo progetto. 

Il disco, nato all’inizio del 2023 e sviluppato all’Audiovolt Studio, sotto la supervisione di Lorenzo Bellia, mescola al suo interno, sonorità cardine del noise-rock e post-punk. Sicuramente niente di nuovo, eppure le distorsioni, le voci filtrate e gli stack di sintetizzatore creano un’incredibile e cupa atmosfera, rendendo questo progetto incredibilmente interessante. 

Touches

Ad aprire il disco è “Reflection of a Bliss”. In poco meno di quattro minuti il trio riesce a portare la tensione alle stelle. Tra le potenti linee di basso e i tamburi cadenzati di Buzzegli, si insinuano le voci graffianti di Bellia. “To Camelia” sprofonda in un noise-rock viscerale, che non ascoltavamo dai tempi di Dogsbody, debutto dei Model/Actriz. Dopo un intro caratterizzata da percussioni e rumori ambientali, la sezione ritmica si fa via via più cadenzata e potente, accogliendo le pesanti distorsioni sul basso e una linea vocale completamente sfasata. Sui loops, nella coda della traccia, la tensione aumenta seguita dalle distorsioni, prima di morire lentamente lasciando spazio alla chiusura di questo EP. “Elvedon”, tutta strumentale, si butta nelle braccia dei tamburi di Buzzegli. La batteria ne esce da protagonista in una traccia che chiude in maniera ottima questo progetto. 

Tre tracce difficilmente creano un giudizio preciso su un artista, ma se questi sono i presupposti, ci si aspetta ottimi progetti futuri.

Se ti piacciono i Dead Crayons potrebbe piacerti anche: Model/Actriz, Bud Spencer Blues Explosion, Screaming Females

/ 5
Grazie per aver votato!
Articolo Precedente

Tanz Akademie: La recensione di “Hullabaloo”

Prossimo Articolo

Kendrick Lamar: La recensione di “Mr.Morale & The Big Steppers”

Latest from Recensioni