I Ventured Across The Stream: La recensione di “Alba”

2 mins read

Review

Voto
7.9/10
Overall
7.9/10
  • I Ventured Across The Stream – Alba
  • 1 Dicembre 2023
  • ℗ Pan Music Records

Post-rock e sentori shoegaze si scontrano nel singolo di debutto del quintetto del sud-italia.

Nati sotto il segno di Van Morrison, a cui devono il proprio nome, “I Ventured Across The Stream” sono una band alt-rock formatasi tra Campania e Basilicata, sotto le influenze di artisti come i Sigur Ros o Jeff Buckley. Quel verso di Astral Weeks di Morrison descrive perfettamente l’anima della band. Andare oltre i propri confini, esplorare, avere fame di conoscenza, che si trasformano in tematiche che trattano evasione e rotture. Il quintetto crea contrasti tra sonorità distorte e vocalizzi morbidi, cerca repentini cambi di tensione tra testo e momenti strumentali, e lo fa discretamente, con ottimi arrangiamenti. 

I Ventured Across The Stream

“Alba” è il titolo del loro singolo di debutto. È una traccia in cui la band esplora il senso di adeguatezza che certe volte si nutre verso sé stessi, paure, la voglia di uscire fuori dagli schemi. Alba è il culmine di un momento di difficoltà, caratterizzato da corpose e pulite sezioni melodiche, che fanno da appoggio a voci soffici, prima di esplodere in chitarre distorte e sezioni ritmiche serrate. Tra atmosfere che strizzano l’occhio allo shoegaze, “I Ventured Across The Stream”, trovano spazio per uscire dai tratti canonici dell’alt-rock ed entrare in paesaggi psichedelici.

/ 5
Grazie per aver votato!
Previous Story

Fulminacci: La recensione di “Infinito +1”

Next Story

April Clocks: La recensione di “Rituals”

Latest from Recensioni