Imber: La recensione di “Dead Poets”

1 min read
  • Imber – Dead Poets
  • 9 Giugno 2023
  • ℗ Labol!

La cantautrice veneziana esce con il suo primo singolo, “Dead Poets”.

Imber, al secolo Cecilia Nicolè, non è nuova nel mondo musicale, la sua avventura inizia nel 2018, quando partecipa al festival milanese “Premio delle Arti”. Successivamente si trasferisce in Inghilterra, dove si concentra sugli spettacoli live, fino ad arrivare ad aprire concerti per artisti come Tomberlin e Vetiver. Nel 2020 è stata selezionata per suonare al Liverpool Soundcity, e ha collaborato con realtà del calibro di Rockol. 

Se mi si chiedesse di descrivere “Dead Poets” in una parola, probabilmente sceglierei ‘contrasti’. Il contrasto tra la delicatezza nella voce e un testo tutt’altro che leggero. Il contrasto tra elementi acustici e elettronici. 

Tra il piano acustico, i sintetizzatori e le sezioni ritmiche trascinanti, Imber affronta relazioni travagliate e invita il prossimo a lasciarsi andare, perché a volte, per citare il testo della canzone “le regole sono fatte per essere infrante”.

Ascolta dead poets qui

Segui Imber su Instagram

Voto: 7.5/10

/ 5
Grazie per aver votato!
Previous Story

Amaarae: La recensione di “Fontana Baby”

Next Story

Queens of the Stone Age: La recensione di “In Times New Roman…”

Latest from Thursday Phonic Radar