Lifeguard: La recensione di “Crowd Can Talk / Dressed in Trenches”

1 min read
  • Lifeguard – Crowd Can Talk / Dressed in Trenches
  • 7 Luglio 2023
  • ℗ Matador 

Il nuovo EP del trio di Chicago, nasce dalla fusione di diversi progetti, registrati nell’arco di circa un anno, pubblicato da Matador. Il divario temporale, purtroppo, si sente tutto. Nonostante il noise-rock, composto da melodie e suoni taglienti, la band, composta da Kai Slater (Voce e Chitarra), Asher Case (Voce e Basso) e Isaac Lowenstein (batteria), dimostra dii non essere ancora pronta a un progetto più complesso. 

Nonostante la band sia ancora acerba, il disco regala qualche spunto interessante. 

“17-18 Lovesong” è incredibilmente energica e minimale. Le voci dei due cantanti si schiantano a muri di distorsioni, bassi pesanti e melodie stridenti. L’insieme di rumori fastidiosi di sottofondo accoppiati al suono pesante del rullante di Lowenstein, preparano il terreno per bassi distorti e glitch squillanti in “Ten Canisters (OFB)”. 

Da un punto di vista compositivo, seppur ancora grezza, la band dimostra un netto miglioramento, rispetto a “Crowd can Talk”. “Dressed in Trenches” può essere per i “Lifeguard” un ottimo punto di partenza.

Voto: 6.4/10

/ 5
Grazie per aver votato!
Articolo Precedente

Little Dragon: La recensione di “Slugs of Love”

Prossimo Articolo

Cory Hanson: La recensione di “Western Cum”

Latest from Recensioni