Lucidvox: La recensione di “There Ahead”

1 min read
  • Lucidvox – There Ahead
  • 22 Giugno 2023
  • ℗ Glitterbeat Records

Dopo “Burn the Grief”, singolo uscito nel 2022, le Lucidvox, quartetto russo, pubblicano “There Ahead”. Il singolo riprende esattamente da dove la band si era fermata, prolungando la traccia finale del loro secondo disco “We Are”. Il restyling su “There Ahead” riesce, nonostante attinga da spunti oramai vecchi di tre anni, a creare una nuova tavolozza di colori da cui il gruppo Psych-Rock può attingere per i suoi lavori futuri.

Alla lavorazione della traccia è stato assoldato un vasto assortimento di musicisti di tutto rispetto, da Timur Mizinov, trombettista della band “Wooden Whales”, al chitarrista Dmitry Chesnov, passando per la violinista Dasha Avramova.  

Il gruppo ha inserito un testo piuttosto scarno nella traccia, dando maggiore importanza alla musicalità, costituita da una tela intricata di strumenti orchestrali, e atmosfere cupe, mescolate a suoni atmosferici, droni e chitarre pesantemente trattate, ricche di effetti e in costante movimento, che creano lo spazio perfetto per il suono di tromba fluttuante di Mizinov. 

“Non puoi rompermi”, ripete come una cantilena, la frontwoman della band. Prima di chiudere con un messaggio di pace. 

Il gruppo lancia un messaggio parecchio positivo per il futuro. Le ragazze di Mosca sembrano aver capito qual è la strada in cui vogliono portare la loro musica e questa traccia ne è la conferma.

Voto: 7.8/10

/ 5
Grazie per aver votato!
Previous Story

Sigur Ròs: La recensione di “ÀTTA”

Next Story

Militarie Gun: La recensione di “Life Under The Gun”

Latest from Thursday Phonic Radar