Unbosco: La recensione di “Tu Vuoi Che”

2 mins read
  • Unbosco – Tu Vuoi Che
  • 14 Luglio 2023
  • ℗ Visory Records

“Tu Vuoi Che” è il secondo singolo della band emiliana. Il quintetto, composto da Luca Binotti alla voce, Umberto Baldacci e Francesco Brandolini alle chitarre, Luca Bernardi al basso e Alessandro Buono alla Batteria, si è creato tra Rimini, Bologna e Cesena, accomunato dalla passione non solo per la musica, ma anche per le arti visive. Cinema e teatro, hanno contribuito alla creazione dell’identità della band. L’alternative rock di fine anni ’90 e inizio anni 2000 rivive all’interno degli Unbosco, contaminato da suoni e ambientazioni di questi tempi. 

‘Tu vuoi che’, uscito lo scorso 14 luglio, da un’impronta più importante al percorso della band, rispetto al singolo di debutto “Continua a dirmi si”. La voce filtrata e saturata di Binotti esce dagli speakers, come se fossero quelli di una radiolina vintage. “Non sento più niente” apre ad un arrangiamento minimale. La linea di basso martellante si mescola perfettamente alla sezione ritmica di Buono, prima che tutto esploda in squillanti chitarre e le urla di Luca. Quello che probabilmente colpisce di più a livello produttivo e proprio nel trattamento delle chitarre. Gli assoli estremamente processati, creano suoni che ricordano vagamente sample riprodotti sul nastro e in alcuni casi addirittura scratch.  

VOTO 6.5

Ascolta la canzone qui.

Segui la Band su Instagram.

/ 5
Grazie per aver votato!
Previous Story

Heavy Wild: La recensione di “Death Dreams”

Next Story

Georgia: la recensione di “Euphoric”

Latest from Thursday Phonic Radar