Vegas On Bass: La recensione di “Circle”

3 mins read

Review

Voto
6.6/10
Overall
6.6/10
  • Vegas On Bass – Circle
  • 19 Gennaio 2024
  • ℗ Vegas On Bass

Dalle sale prova emiliane ai palchi di East London, la band DIY chiude un cerchio con il suo EP di debutto. 

I “Vegas On Bass” nascono al tramonto del 2021, dall’incontro del cantante Adriano Cosi e del batterista Luca Ferriani. Una visione comune e una passione per gli stessi generi musicali, portano dentro le fila del gruppo il bassista Luigi Giannino e il chitarrista Lorenzo Cosi, che prenderà in seguito anche il ruolo di produttore della band. La visione di matrice internazionale dei Vegas On Bass, parte forse proprio da qui. Non è il background musicale. Non sono le influenze dei quattro componenti del gruppo che vanno dal cantautorato alla musica elettronica. È una scelta che all’estero prende il nome DIY (Do It Yourself), di cui spesso abbiamo parlato. È la volontà di non ricorrere a entità esterne durante il percorso di sviluppo di un progetto. Ed è una scelta che in Italia, per qualche motivo, viene presa poco in considerazione, soprattutto quando si parla di Alt-Rock. 

“Circle” è nato in uno studio che la band stessa ha costruito e a guidare la produzione dell’EP, c’è Lorenzo Cosi, il chitarrista del gruppo. Solo le batterie sono state registrate al subcave a Bologna. Dietro il rock squillante e spigliato delle quattro tracce che compongono l’Extended Play, ci sono gli ultimi tre anni della band. C’è la libertà, il guardare avanti, il sentirsi smarriti. Eppure in questo vortice, il gruppo trova spazio per attimi di ottimismo. 

Ad aprire “Circles” è “Out Of Order”, ritmiche filtrate e basso corposo, creano la rampa di lancio per strati di distorsioni che avvolgono la voce di Cosi, alle prese con l’evasione dagli standard della società. Linee vocali dai tratti post-punk si insinuano nell’intro di “Comeback”, una traccia oscura, in cui la band fa luce sulle dinamiche successive la fine di una relazione. “Fall from nothing” prende in prestito pattern di percussioni dalla musica elettronica. Ancora una volta, i Vegas on Bass, si trovano alle prese con una società frenetica con cui non si riesce a stare al passo. In “This time”, traccia di chiusura di “Circle” il gruppo tratta le crisi interne del gruppo, con ottimismo e voglia di andare avanti. 

/ 5
Grazie per aver votato!
Previous Story

Kali Uchis: La recensione di “ORQUÍDEAS”

Next Story

Il tramonto di Pitchfork: La musica ha perso

Latest from Recensioni